Villa
Contessa
Massari

Via Massarenti 1A, Ferrara

Villa Contessa Massari è una dimora storica sorta nel XVII secolo.

I suoi originali proprietari furono i conti Nigrelli di Modena, che frequentavano la corte di Alfonso II, ultimo duca d’Este prima della “devoluzione” (1598). Nel 1870 fu acquistata del duca Galeazzo Massari, discendente di una famiglia di ambiziosi imprenditori milanesi, trasferita nel ferrarese. Deve il suo nome all’ultima erede della famiglia Massari, la contessa Maria Cristina, donna di grande fascino e intraprendenza, viaggiatrice appassionata di arte e fotografia, sorella di Maria Teresa, proprietaria della Villa Massari-Ricasoli di Voghenza.

Nata come casa padronale e residenza nobiliare nel periodo estivo, l’elegante edificio è circondato da un grande parco, che comprende circa 26mila metri quadri di verde. Essa rappresenta il fulcro del fondo Negrella, un tempo parte dell’imponente patrimonio terriero e immobiliare della famiglia Massari, che si estendeva dal capoluogo estense fino quasi a raggiungere la provincia di Bologna. Nella bella stagione diventava luogo di svago e di riposo, di villeggiatura per l’appunto, assumendo allo stesso tempo una funzione amministrativa e di rappresentanza: da qui si gestiva la produzione agricola della possessione, ovvero del terreno che circonda l’edificio, attività che nel resto dell’anno si svolgeva invece presso la residenza principale della famiglia, in città.

L’inestimabile patrimonio dei conti Massari a Ducentola venne col passare del tempo frazionato e venduto a diversi proprietari. La villa – vincolata dal Ministero dei Beni Culturali e Ambientali – nel 2012 è stata oggetto di un significativo restauro, grazie al quale è stato ripristinato il suo originario splendore. L’intervento ha compreso una nuova sistemazione dell’area verde affacciata sul maestoso ingresso principale e del giardino retrostante, confinante con via Arginello. Le ampie scuderie sono state completamente rinnovate nel 2020. 

Iscriviti alla newsletter di Interno Verde
Iscriviti alla Newsletter di Interno Verde