Princess Art Hotel

Via Mascheraio 39, Ferrara

A dispetto di quanto sembra suggerire il nome dell’albergo, all’interno dell’elegante palazzo rinascimentale di via Mascheraio non ha mai abitato una principessa, bensì un artista: Leonardo da Brescia, vissuto nel Cinquecento.

Proprio alla sua creatività si deve il nome della strada. Egli infatti, oltre ad aver dipinto varie opere religiose, come l’Assunzione presso la Chiesa del Gesù, l’Annunciazione nella Chiesa del Buon Amore e la Risurrezione nella Chiesa di Santa Monica,  pare avesse realizzato nel 1559 per il Duca Alfonso II una serie di maschere in stucco, aiutato da Galasso delle Mascare e dal fratello Baldissera. Così testimonia Girolamo Baruffaldi nel compendio Vite de’pittori e scultori ferraresi.

Oggi affianca la dimora un piccolo giardino, circondato dalle siepi di photinia. Il grande abete secolare che ombreggiava l’area purtroppo è stato recentemente abbattuto. Al suo posto sono stati piantati dal nuovo proprietario del Princess Art Hotel quattro ulivi pugliesi, portati a Ferrara dalla sua terra di origine, che producono le cosiddette olive matte. In fondo, lungo il muro di cinta, un arco tamponato caratterizza teatralmente lo spazio, decorato dalla statua rappresentante il fiume.